Academic journal article Italica

Sette Domande a Claudio Magris: A Cura Di Andrea Ciccarelli

Academic journal article Italica

Sette Domande a Claudio Magris: A Cura Di Andrea Ciccarelli

Article excerpt

Notizia biografica: Claudio Magris e uno dei piu noti scrittori, critici e saggisti europei. Professore nel dipartimento di civilta germaniche all'Universita di Trieste e "visiting professor" in molti atenei europei e nordamericani ha pubblicato libri d'importanza capitale sulla cultura mitteleuropea quali Il mito absburgico nella letteratura austriaca moderna (1963); Tre studi su Hoffmann (1969); Lontano da dove, Joseph Roth e la tradizione ebraico-orientale (1971); Dietro le parole (1978); L'anello di Clarisse. Grande stile e nichilismo nella letteratura moderna (1984). Frai suoi lavori saggisfici sulla cultura, politica e antropologia dell'Europa centrale e del bacino adriafico si possono ricordate Itaca e oltre (1982); Trieste. Un'identita di frontiera (1982, scritto con Angelo Ara); Microscosmi (1997); Utopia e disincanto. Saggi 1974-1998 (1999). Fra le sue opere narrative piu famose va innanzi tutto menzionato Danubio (1986), libro che, forse, rimane il suo capolavoro, al quale vanno almeno affiancati Illazioni su una sciabola (1984), Un altro mare (1991), Le voci (1995) e i drammi teatrali Stadelmann (1988) e La mostra (2001). Magris ha ricevuto molti riconoscimenti nazionali e internazionali, fra i quali il piu prestigioso premio letterario italiano, lo Strega (1997) e, recentemente (giugno 2004), il premio Principe di Asturias alla carriera del governo spagnolo. Alcune sue opere sono state rappresentate a teatro, fra le altre, una versione itinerante di Danubio con la regia di Giorgio Pressburger.

INTERVISTA

Premessa: Professor Magris, spero non le dispiaccia che in quest'intervista parta da alcune citazioni tratte dai suoi libri che porro prima di ogni domanda (sono sette, ma sono multiple, come il territorio esplorato nelle sue opere). Non intendo costringerla a spiegare le citazioni, ma le considero spunto e cornice di questioni culturali, tematiche, stilistiche e ideologiche che avrei piacere lei toccasse nelle sue risposte.

1. "La Mitteleuropa 'hinternazionale,' oggi idealizzata quale armonia di popoli diversi, e stata certo una realta dell'impero absburgico, nella sua ultima stagione, una tollerante convivenza comprensibilmente rimpianta ... anche per il confronto con la barbarie totalitaria che le e succeduta ... nello spazio danubiano" (Danubio).

Domanda: Desidero innanzi tutto far parlare il romanziere e il drammaturgo Claudio Magris, ma va da se che non si puo non interrogare anche l'acuto studioso e il saggista raffinato del mondo mitteleuropeo. La prima domanda e dunque d'obbligo: sembra sempre piu ovvio, anche e soprattutto grazie ai suoi libri, che ci sia una correlazione innegabile fra il crollo dell'impero e la crescita del mito absburgico. Ingigantire persone e eventi quando li affidiamo alla debolezza della memoria e normale: il rischio dell'elegia e sempre in agguato e il mito ne e forse il frutto piu diretto. Ecco, vorrei chiederle, quanto e come il presupposto fra crollo e mito sia poi vero da un punto di vista storico-culturale, quanto sia diventato stereotipo e quanto invece sia ancora vitale e agisca dall'interno nei confronti dell'attuale situazione balcanica e quindi europea. Infine, e mi perdoni per il raddoppio di domanda, vorrei sapere in che misura tale rapporto investa la sua stessa poetica di scrittore di frontiera, uno scrittore che e in una posizione intellettuale particolare, se non proprio privilegiata, rispetto ai suoi lettori abituali. Nei suoi libri, infatti, lei scruta un contesto multilinguistico e culturalmente composito, a lei familiare, che poi racconta a lettori spesso ignari di questa realta complessa e, per di piu, in una lingua "nazionale" che solo in minima parte rispecchia la diversita osservata. Quali sono i meccanismi intellettuali, letterari, stilistici e linguistici causati da tale situazione "di confine"?

Magris: Prima di rispondere, vorrei dirti che l'idea di partire da alcune citazioni mi tocca profondamente. …

Search by... Author
Show... All Results Primary Sources Peer-reviewed

Oops!

An unknown error has occurred. Please click the button below to reload the page. If the problem persists, please try again in a little while.