Academic journal article Italica

Intervista a Tiziano Scarpa Di Stefania Lucamante

Academic journal article Italica

Intervista a Tiziano Scarpa Di Stefania Lucamante

Article excerpt

Ti avrebbe fatto piacere se, in generale, ti avessimo domandato un po' meno di tee un po' di piu dei tuoi libri? ... "non vedo differenza fra le due cose...." (1)

Tiziano Scarpa e indubbiamente uno degli scrittori ed intellettuali piu interessanti nell'Italia del ventunesimo secolo. "Figlio di un aumento di stipendio" e per questo "figlio di una lavatrice Rex nuova di zecca," come scrive con un riverbero autobiografico nel suo racconto "Madrigale" (139) Scarpa e nato a Venezia, ha lavorato per qualche anno a Bologna, e si e poi trasferito a Milano. Si e recentemente traferito a Venezia. Collabora a vari giornali e riviste e sino a poco tempo fa scriveva su nazione indiana.com, una webzine letteraria a cui contribuivano tra gli altri lo scrittore Antonio Moresco e la critica Carla Benedetti Adesso scrive su ilprimoamore.com.

Nel 1996 ha pubblicato per Einaudi Occhi sulla Graticola. Nel 1998 ha pubblicato una raccolta di racconti, Amore[R]. Nel 2000 Venezia e un pesce, una descrizione di Venezia strutturata per nove parti anatomiche, dai piedi alla testa, da cui non sono estranei aneddoti personali. Cos'e questo fracasso? e invece una raccolta di scritti teorici, recensioni, e riflessioni del 2000. Ha scritto anche per il teatro (Corriamo a casa, 2000; Nel laboratorio di Lady Frankestein, 2003; e Comuni mortali, 2005), per la radio (Popcorn, 1997 e La visita, 2005, entrambi per RadioRai), e un libretto per opera lirica (Fuori dai denti, 2000, musicato da Stefano Bassanese). Nel 2001 pubblica Nelle Galassie come oggi (Covers) con Aldo Nove e Raoul Montanari. Nel 2003 esce il romanzo Kamikaze d'Occidente e pubblica un'altra raccolta di racconti, Cosa voglio date. Corpo, un insieme di racconti intorno alia materialita del proprio corpo, omaggio agli scritti di Georges Bataille e Francis Ponge, e invece del 2004, mentre del 2005 sono Groppi d'amore nella scurag|ia e Verbale n. 2847, un volume pubblicato per Italian Factory. E intervenuto con testi critici e creativi a cataloghi d'arte dedicati a numerosi artisti, tra cui Giorgio De Chirico, Maurizio Cattelan, Cristiano Pintaldi, Stefano Arienti, e Mimmo Rotella. Ha inoltre partecipato con Niccolo Ammaniti e Sandrone Dazieri a Tutti i denti del mostro sono perfetti, una raccolta di racconti curata da Valerio Evangelisti, con il racconto "Acqua," poi ripubblicato in Amore[R] mentre "Madrigale" appare anche nell'antologia Anticorpi. Infine del 2006 e Batticuore fuorilegge (Roma: Fanucci, 2006), una miscellanea di testi saggistici, poesie, ed interventi fatti su nazioneindiana.com.

Incontrare Tiziano Scarpa mi ha convinta di come molte delle riflessioni critiche circa i nostri scrittori contemporanei risultino infondate, e soprattutto pericolosamente svianti. Mi sembra anacronistico criticare uno scrittore di autoreferenzialita e narcisismo, ignorando tutto quel che il postmodernismo ha scritto su tali argomenti. Si vive tutti in una societa, quella occidentale, che ha fatto di questi due termini un diktat; si vive in una societa che ha elevato l'autoreferenzialita il presenzialismo e il narcisismo quali elementi imprescindibili di una rinnovata e sempre piu travolgente vera e propria etica del consumo; si vive in una societa che ha eliminato dal proprio paradigma i concerti stessi di modestia e autocritica, lasciando cadere alla deriva quelli che potevano essere i meccanismi piu riusciti e--tutto sommato, costruttivi--della nostra famigerata autodenigrazione, quella stessa che Leopardi tanto criticava dei suoi connazionali. Mi domando allora che cosa si voglia dai nostri artisti; per quali assurdi motivi si spendono fiumi (quanti fiumi) di parole per criticare la loro presunta mancanza d'impegno, la loro sciatteria di linguaggio (o altrettanta disinvoltura e scioltezza di immagini come nel caso di Scarpa), la loro manifestazione a volte un po' ovvia di tentativi scatologici per spiegarci il mondo. Come, mi chiedo, sia possibile non essere autoreferenziali per un artista, e qualcosa che non mi e molto chiaro. …

Search by... Author
Show... All Results Primary Sources Peer-reviewed

Oops!

An unknown error has occurred. Please click the button below to reload the page. If the problem persists, please try again in a little while.