Academic journal article Italica

Tullio De Mauro E Gli Studi Linguistici E Linguistico-Educativi in Italia

Academic journal article Italica

Tullio De Mauro E Gli Studi Linguistici E Linguistico-Educativi in Italia

Article excerpt

Abstract: La scomparsa di Tullio De Mauro invita a domandarsi se i problemi linguistici e culturali della societa italiana ai quali ha cercato di dare risposta con la sua opera siano stati risolti o se le proposte demauriane siano rimaste in realta inascoltate. In De Mauro convergono le dimensioni della ricerca scientifica, quelle dell'impegno didattico, quelle dell'impegno civile.

Keywords: De Mauro, semiotica, linguistica teorica, linguistica educativa.

**********

Tullio De Mauro, nato a Torre Annunziata (Napoli) il 31 marzo 1932, e morto a Roma il 5 gennaio 2017.

Chi scrive non riesce a iniziare in altro modo questo ricordo di Tullio De Mauro: e troppo forte la commozione per la perdita di una persona che per moltissimi e stato, piu e prima di un maestro, un padre, un amico prodigo di consigli e pronto a condividere le imprese della ricerca scientifica e la quotidianita della vita. La freddezza delle date ha pero la dura consistenza della base di una analisi di quello che De Mauro e stato e ancora continua ad essere per tutti coloro che si misurano con le questioni del linguaggio, dei processi di espressione verbale e non verbale, delle lingue nella vita individuale e sociale, della funzione della scuola nello sviluppo delle capacita linguistiche: De Mauro rimane un punto di riferimento ineludibile per chiunque voglia confrontarsi con i modelli generali dell'attivita simbolica o con le concrete vicende culturali e linguistiche italiane, e ancor piu con le storie linguistiche delle italiane e degli italiani. Anche se volessimo passare in rapida rassegna gli ambiti sui quali De Mauro ha concentrato le sue riflessioni--sempre geniali, profonde, anticipatrici--si sarebbe presi da stupore fino allo stordimento: indoeuropeista, linguista generale, storico della lingua, semiologo, linguista educativo, lessicologo e lessicografo; e ancora: uomo impegnato nell'amministrazione della cosa pubblica, prima come consigliere e assessore della Regione Lazio e poi, nel 2000-2001, come Ministro della Pubblica Istruzione. Ma anche persona impegnata nei processi editoriali, collaboratore, direttore e anima di alcune fra le case editrici e le imprese editoriali di maggiore portata storica per l'Italia degli ultimi decenni. Si rimane smarriti nel voler ripercorrere la sua opera, nel voler cogliere la molteplicita sempre rinnovata dei suoi interessi e la forza del suo impegno civile. De Mauro non ha bisogno di qualcuno che ricordi quello che ha fatto, visto quanto la sua opera e profondamente collocata nell'orizzonte di lavoro di tutti coloro che, facendo ricerca scientifica, insegnando, impegnandosi nella gestione della cosa pubblica, si imbattono nelle questioni poste dalle lingue e dai linguaggi. Qui, allora, ci vogliamo porre solo alcune domande molto semplici: che italiano era questo De Mauro, dai cosi vasti interessi? Quale essenza promuoveva la sua poliedrica identita, le sue molte vie di ricerca, il suo impegno civile, la sua umanita? E con chi dialogava questo uomo mite, arguto, profondo, mai banale, sempre attento ad ascoltare chiunque, sempre pronto a mettersi con indomito coraggio al servizio degli altri: dagli studenti a tutti coloro che oggi, nelle universita, nelle scuole e nella societa civile, possono dirsi suoi allievi?

Ci poniamo queste domande perche, passato il turbamento dei primi momenti dopo la sua scomparsa, diventa forte in noi la questione se davvero De Mauro sia stato capito dagli studiosi, dal mondo della scuola, dalla nostra societa, dalla classe dirigente e dalle istituzioni italiane, dal nostro Paese. Apparentemente, si, e le persone che sono sfilate davanti a lui per l'omaggio finale ne sono la piu solida testimonianza: il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio, il Presidente della Banca d'Italia, almeno tre Ministri, e poi Rettori e ex Rettori di Universita, professori, giovani, persone comunque che lo avevano ascoltato e letto con attenzione. …

Search by... Author
Show... All Results Primary Sources Peer-reviewed

Oops!

An unknown error has occurred. Please click the button below to reload the page. If the problem persists, please try again in a little while.