Academic journal article European Journal of Sustainable Development

Development of Civil Society, the UE Policies in Albania

Academic journal article European Journal of Sustainable Development

Development of Civil Society, the UE Policies in Albania

Article excerpt

1. Introdu2ione

L'Albania è un potenziale paese candidato all'adesione all'Unione Europea e partecipa al Processo di Stabilizzazione e Associazione (SAP). II relativo Accordo (SAA), firmato nel giugno 2006, stabilisce un quadro formale per il rispetto di impegni reciproci su una vasta gamma di questioni politiche, commerciali ed economiche.

A partiré dal 2007, l'assistenza finanziaria pre-adesione al paese è stata garanti ta mediante il Programma Finanziario di Assistenza pre-adesione (IP A), gestito dalla Delegazione délia Commissione Europea a Tirana. Le principali aree di intervento riguardano il rafforzamento delle capacita di governance, il miglioramento del quadro legislativo in materia di pubblica amministrazione, di ordinamento giudiziario e polizia, lo sviluppo economico e sociale e la stabilizzazione democrática del paese. Nel 2009 il budget totale allocate dalla Commissione Europea è stato di 81.2 milioni di euro. Il 28 aprile 2009 l'Albania ha presentato la sua richiesta di adesione all'Unione Europea.

Nonostante il paese negli ultimi anni abbia compiuto importanti progressi verso il raggiungimento di alcuni requisiti necessari al fine di procedere nel percorso in integrazione europea, ulteriori miglioramenti rimangono indispensabili in numerosi settori. Tra questi, lo sviluppo délia società civile è uno dei più complessi ed urgenti. Una maggiore partecipazione delle organizzazioni della società civile nella vita pubbüca migliora infatti la qualitá della democrazia e contribuisce a rafforzare il sostegno dell'opinione pubbüca all'adesione all'UE.

Sebbene lo sviluppo ed il dialogo della società civile come parte del processo di allargamento europeo non siano fenomeni nuovi, ma risalgano già agli anni 90, nei Balcani Occidentali questi processi hanno assunto una nuova dimensione. Nella Strategia di Allargamento del 2007, la Commissione Europea li ha infatti individuati come una delle priorità di riforma fondamentali per il futuro accesso di questi paesi1. La società civile non solo è un elemento essenziale per la vita pubbüca democrática e per il buon funzionamento deüe istituzioni, ma rappresenta anche un attore cruciale nel costruire e nel rafforzare il supporto deü'opinione pubbüca a favore deüe riforme. II cambiamento imposto da forze esterne non è sufficiente: al fine di raggiungere i requisiti necessari verso l'adesione aü'UE il coinvolgimento, l'impegno e la partecipazione attiva deüa società civile sono fondamentaü. Inoltre, le società dei paesi potenziaü candidati devono essere consapevoü e pronte ad accettare i costi delle riforme che il processo di integrazione comporta. Nonostante in Albania i sondaggi riveüno che più del 90% deü'opinione pubbüca sia favorevole aü'ingresso in Europa2, la società civile albanese ha una reale comprensione e conoscenza deü'UE? Possiede gü strumenti per ricoprire il proprio ruolo nel processo di democratizzazione? E' pronta ad affrontare i costi deüe riforme?

2. La società civile in Albania

Il Progress Report deü'Unione per l'Albania neü'anno 2009 afferma che "per quanto concerne le organizzazioni deüa società civile si sono registrad progressi. Le relazioni deüa società civile con il governo sono migüorate. La legge suüa creazione deüa Civil Society Foundation è entrata in vigore. Tuttavia, maggiori sforzi sono necessari per rafforzare il settore non-profit e per la consultazione deüe organizzazioni deüa società civile suüe riforme legali ed amministrative"3

In realtà la struttura délia società civile in Albania rimane debole, caratterizzata da una bassa partecipazione e da scarse relazioni tra gli attori che la compongono. L'indice di sostenibilità per le ONG (NGO Sustainability Index), pubblicato annualmente da USAID4, dimostra che nel paese vi è solamente un limitato numero di ONG che possono definirsi solide, l'ambiente generale è sfavorevole ed il settore rimane pesantemente dipendente dagli aiuti internazionali.

La società civile è rappresentata soprattutto da numeróse ONG di dimensioni ridotte, largamente frammentate e non collegate tra loro attraverso networks nazionali ed internazionali. …

Search by... Author
Show... All Results Primary Sources Peer-reviewed

Oops!

An unknown error has occurred. Please click the button below to reload the page. If the problem persists, please try again in a little while.