Academic journal article European Journal of Sustainable Development

Migration and Sustainable Development: A Critical Approach

Academic journal article European Journal of Sustainable Development

Migration and Sustainable Development: A Critical Approach

Article excerpt

1.Introduzione

Continuano a crescere di giorno in giorno, di ora in ora il numero delle vittime dei naufragi sui barconi della speranza. Uomini, donne, bambini, tutti accomunati da un unico grande sogno: la fuga verso l'Europa. Quell' Europa che annaspa e naufraga nella gestione di questa grande emergenza umanitaria. Quell' Europa che da un lato erge muri, e dall'altro sfida il mare pur di salvare esseri umani da un tragico destino. Scene di barconi pieni di vite umane con le braccia tese a chiedere aiuto in mezzo al quel mare tanto amato, ma anche tanto temuto da quegli esseri umani che vedono il mare come unica via per la fuga e per la speranza di una vita migliore. Di fronte alle scioccanti e raccapriccianti scene dei naufragi, dei tir carichi di morti, delle barriere di filo spinato ed, infine, l'accusa dagli Stati Uniti all'Europa nell'aver fallito nel gestire questa emergenza umanitaria, l'Europa, non riesce ancora a dare una risposta unitaria. Sono stati convocati numerosi vertici straordinari per individuare misure immediate per far fronte a questa emergenza umanitaria e varie sono state le proposte avanzate da ciascun governo: dai muri, ai respingimenti, a politiche di accoglienza, fino alla più recente proposta di fondo fiduciario Ue-Africa del valore di 1,8 miliardi di euro, e il migration compact. L'orientamento dominante sia a livello internazionale che comunitario, sino a questo momento, ha focalizzato il proprio agire con un marcato approccio "funzionalista", ovvero una maggiore attenzione al legame immigrazione-rimesse, immigrazione-fuga di cervelli, con una marginale attenzione alle politiche volte alla promozione del fenomeno migratorio e dello sviluppo sostenibile. Alla luce di questa emergenza umanitaria, e a seguito dell'inefficacia delle deboli politiche migratoria si è ritenuto opportuno, soprattutto a livello internazionale, si seguire un approccio che riconsideri il ruolo delle istituzioni nella governance dei flussi migratori: un approccio che riesca a bilanciare aspetti economici, sociali e ambientali per il raggiungimento di uno sviluppo sostenibile. A tal proposito, le Nazioni Unite, per la prima volta, riconoscono nella "2030 Agenda for Sustainable Development", la necessità di facilitare la migrazione a livello globale; la necessità di una migliore governance della migrazion ; la necessità di assicurar e facilitare una migrazione ordinata, sicura, regolare e responsabile e la mobilità delle persone attraverso l'attuazione di politiche migrazione pianificate e ben gestite (UN, 2016).

Obiettivo di questo lavoro è quello di presentare, seguendo un approccio interdisciplinare, la recente letteratura sulle migrazioni evidenziando come la decisione di migrare puô essere dovuta non solo a fattori economici e sociali ma anche a cambiamenti ambientali. Quest'ultima prospettiva, anche se ancora poco analizzata, unita agli altri fattori, ci permette ancora di più di capire il modo in cui i fattori di spinta ambientale possono interagire con i fattori economici, sociali, politici e istituzionali. Con l'ausilio di recenti dati verrà presentato il ruolo degli immigrati all'interno del sistema economico e sociale e l'esistenza di una correlazione positiva tra sviluppo sostenibile e migrazioni.

Il lavoro si articola come segue: la sezione 2 discute alcune teorie alla base dei flussi migratori e i risultati dei principali contributi empirici; la sezione 3 presenta un'analisi dei dati sulla presenza degli immigrati nei paesi OCSE. Infine, la Sezione 4 presenta le conclusioni.

2.Review della letteratura

I motivi e le cause determinanti le migrazioni internazionali sono molto complesse ed esiste un'ampia letteratura, empirica e teorica, che cerca di analizzare e spiegare questo fenomeno. Lo studio dei flussi migratori, e in particolare, l'attenzione rivolta al fenomeno dell'immigrazione si basa su alcuni dei seguenti fattori: la consistente richiesta di forza lavoro flessibile, le pressioni e i vincoli delle economie dei paesi meno sviluppati da cui provengono gli immigrati, il differenziale reddito pro-capite tra paesi, le guerre civili, le carestie, gli eventi bellici, le reti sociali relazionali-familiari, le politiche migratorie e i sistemi di welfare nei paesi di destinazione. …

Search by... Author
Show... All Results Primary Sources Peer-reviewed

Oops!

An unknown error has occurred. Please click the button below to reload the page. If the problem persists, please try again in a little while.